lavori Edili Roma su Google plus
numero verde 800.98.04.40

Il conto energia 2013

Scritto da: Franco Cerrito
Conto energia 2013

Con il nuovo Decreto 28/2012, l’Italia modifica il cosiddetto Conto Energia, le tariffe e le modalità degli incentivi pensati per aumentare la produzione di energia a partire dalle fonti rinnovabili e in generale per migliorare il rendimento termico degli edifici, sia pubblici che privati.

Il decreto interministeriale elenca, con diverse e interessanti novità, quelli che sono gli interventi che privati e pubbliche amministrazioni possono effettuale sugli edifici per migliorarne l’efficienza e muovere qualche decisivo passo verso soluzioni più sostenibili accogliendo anche alcune delle direttive che da anni l’Unione Europea ha vagliato in materia.

Cosa puoi mettere nel Conto Energia

Puoi richiedere gli incentivi e le detrazioni di diversi interventi che migliorino l’isolamento delle pareti di casa, del soffitto, del pavimento, delle finestre e delle vetrate di casa. L’isolamento può essere espletato sia con l’aggiunta di controssoffitature e rinforzi isolanti alle pareti, sia con la sostituzione dei vetri degli infissi con sistemi con doppi vetri, sia, ed è un aspetto troppo spesso non dovutamente preso in considerazione, con l’installazione (per le vetrate e le finestre volte a Est-Sud-Est e Ovest) di schermature che prevengano una eccessiva insolazione dell’ambiente e che ti costringano quindi ad accendere l’impianto di climatizzazione in estate.

Conto Energia e impianti

Ma gli incentivi non si fermano qui: sono infatti compresi la sostituzione degli impianti di climatizzazione (a prescindere dalla stagione per ci sono pensati) e di produzione dell’acqua calda.

Ogni intervento, sia che riguardi le coperture sia per gli impianti, ha determinate spese che puoi mettere sul tuo Conto Energia per una durata di anni precisa: non si tratta solo del costo effettivo per l’acquisto di una nuova pompa di calore o dei pannelli solari ma anche, per diversi impianti, il costo della manodopera, della dismissione degli impianti esistenti, purché, ovviamente, il lavoro venga svolto seguendo tutte le norme sul lavoro e sulla sicurezza nei cantieri.

Lavori edili Roma Numero Verde
Potrebbero Interessarti Anche: