lavori Edili Roma su Google plus
numero verde 800.98.04.40

Concessione Edilizia a Roma? Non esiste più

Scritto da: Franco Cerrito
Concessione Edilizia Roma

La concessione edilizia, al pari della denuncia di inizio attività, anche questa dicitura in particolare può essere considerata obsoleta. Tranne che per alcuni casi specifici, infatti, la stessa è stata sostituita dal “Permesso di Costruire” contenuto nel Testo Unico dell’edilizia.

La nostra azienda, caratterizzata dalla cura del particolare e da un forte senso di responsabilità legislativa non vi darà modo di preoccuparvi nemmeno un secondo sul cambiamento delle normative vigenti: ciò non toglie che una conoscenza maggiore del tema non potrà che tranquillizzare l’eventuale committente che necessità di veder iniziare i lavori di costruzioni del proprio immobile. Vediamo insieme quando il permesso di costruire è applicabile e quando abbiamo bisogno della “sopravvissuta” concessione edilizia.

Concessione edilizia? Ora si chiama Permesso di costruire

Partiamo da un presupposto, il permesso di costruire è necessario in tutti gli interventi di trasformazione urbanistica e edilizia del territorio. Prima di tutto per quelli definiti di “nuova costruzione”. In base a ciò che il Testo Unico sull’edilizia ci indica, sono da considerarsi interventi di questo tipo tra gli altri:

  • la costruzione di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero l’ampliamento di quelli esistenti all’esterno della sagoma esistente e gli interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal comune;
  • la realizzazione di infrastrutture e di impianti che comporti la trasformazione in via permanente di suolo inedificato;
  • l’installazione di torri e tralicci per impianti radio-ricetrasmittenti e di ripetitori per i servizi di telecomunicazione.

Ottenere la concessione edilizia a Roma

Concessione Edilizia Roma? Tre parole che non si sposano con i concetti sopra indicati: questa certificazione non è infatti necessaria. Come non è indispensabile nemmeno per i seguenti interventi contenuti nelle nuove normative:

  • gli interventi pertinenziali che in base norme tecniche degli strumenti urbanistici qualifichino come interventi di “nuova costruzione”. Parliamo della realizzazione di un volume superiore al 20% in aggiunta al volume dell’edificio principale. Concetto da leggere ovviamente in relazione alla “zonizzazione” e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree.
  • la realizzazione di depositi di merci o di materiali e gli interventi di ristrutturazione urbanistica.

 

Lavori edili Roma Numero Verde
Potrebbero Interessarti Anche: