lavori Edili Roma su Google plus
numero verde 800.98.04.40

Conto Termico: dal 3 giugno le domande

Scritto da: Franco Cerrito
incentivi conto termico

Il GSE (Gestore Servizi Energiti) ha diffuso una nota in cui si rendono note le date di inizio e fine del periodo in cui è possibile richiedere l’iscrizione ai Registri per gli impianti con pompa di calore e per quelli a biomassa degli edifici rurali e delle serre.

Domanda per il conto termico

Si apriranno il 3 giugno, alle ore 9:00, sul sito Applicazioni GSE, le richieste per l’iscrizione nei registri destinati a gestire gli incentivi previsti dal Conto Termico per quanto riguarda impianti a pompa di calore domestici e a biomassa per le strutture rurali e le serre. La richiesta può essere effettuata sia da privati cittadini sia da amministrazioni pubbliche e, in totale, sono previsti 900 milioni di euro l’anno di incentivi divisi in 700 milioni per i privati e 200 milioni per le pubbliche amministrazioni.

Il Conto Termico, il cui scopo principale è ridurre la dipendenza dell’Italia dalle fonti non rinnovabili riducendo così l’inquinamento e aumentando l’efficienza energetica degli edifici, prevede anche altri incentivi per cui sono previste date diverse. Nel caso delle pompe di calore e degli impianti a biomassa l’ultimo giorno utile per presentare la domanda è il 31 agosto.

L’incentivo del Conto Termico in cifre

Va ricordato che fare domanda non garantisce automaticamente l’accesso ai fondi erogati dallo Stato. Una volta conclusosi il periodo di domanda infatti, il GSE stilerà una graduatoria di merito che prenderà in considerazioni le dichiarazioni pervenute e i dati degli impianti. L’incentivo prevede una copertura massima del 40% dell’investimento e viene erogato nell’arco di 2 o 5 anni. Gli incentivi variano anche in base a diversi fattori quali potenza dell’impianto che verrà installato, zona climatica (l’Italia è divisa in sei zone identificate dalle lettere da A a F a seconda dell’irraggiamento solare ricevuto in un anno) e tipologia stessa dell’impianto.

Per accedere a questi incentivi occorre non usufruire di altri incentivi statali anche se, per i privati, è possibile ancora scegliere tra il bonus del 40% di questo Conto Termico e per quello del 55%, che però viene erogato nell’argo di 10 anni e non su 2 o 5 come quello del 40%.

Lavori edili Roma Numero Verde
Potrebbero Interessarti Anche: