lavori Edili Roma su Google plus
numero verde 800.98.04.40

Libretto Caldaia: novità e Obblighi

Scritto da: Paolo
libretto della caldaia

A causa delle recenti novità introdotte dalle norme, rileviamo una certa confusione sul tema “Libretto Caldaia”. Riteniamo, quindi, molto utile fare il punto della situazione con riferimento al nuovo modello di libretto introdotto e in rapporto al vecchio libretto di impianto, detenuto attualmente da migliaia di proprietari di caldaie a Gas.

Cos’è il Libretto Caldaia

Rispondiamo subito al quesito che molti comunque tendono a farsi e a proporci: il Libretto della caldaia è un libretto che costituisce, se vogliamo, una sorta di carta di identità della caldaia. Nelle sue pagine sono innanzitutto descritti i dati della caldaia (modello, caratteristiche), quindi vi vengono riportati gli esiti delle manutenzioni e degli interventi di assistenza e riparazione. Senza dimenticare che il libretto deve obbligatoriamente riportare le certificazioni periodiche e obbligatorie per Legge.

Il suo aggiornamento è onere del Tecnico abilitato che esegue ogni manutenzione o riparazione: devono essere riportati di dati corretti, spesso molto tecnici e specifici, soprattutto per quel che concerne le analisi dei fumi e delle prestazioni generali della caldaia che divengono fondamentali per la certificazione che, lo ricordiamo, è obbligatoria per Legge!

Novità Libretto Caldaia 2014

Le recenti novità sul libretto di impianto Caldaia sono state introdotte dal DM 74\2013: specifichiamo immediatamente che cambia la tipologia di Libretto che diviene, ora, Libretto Unico di Impianto poiché raccoglie insieme i datti di tutti i sistemi e gli impianti per il comfort termico e climatico di casa (caldaia, condizionatore, pompa di calore, accumulo acqua calda, ecc…, tutti insieme). Si tratta di un nuovo Libretto, più complesso, che unifica tutte le informazioni come voluto dall’Europa e dai suoi regolamenti Comunitari

Per la compilazione, anche qui occorre la sapienza dei Tecnici abilitati e formati secondo le ultimissime indicazioni di Legge. Bisogna indicare le informazioni specifiche di ogni impianto nella sezione specifica del nuovo Libretto Unico di Impianto.

Vecchio Libretto Caldaia: cosa Fare?

Chi possiede regolarmente il classico libretto di impianto della caldaia non ha l’obbligo di cambiarlo. Può continuare a mantenerlo e a farlo aggiornare finché si potrà e solo allora la Legge richiederà il passaggio al nuovo Libretto Unico di Impianto (anche se non possiede un condizionatore oltre la caldaia).

Specifichiamo, comunque, che il nuovo Libretto Unico dovrà essere subito richiesto in alcuni casi:

  • Se si installa un nuovo condizionatore. La legge richiede il Libretto Unico in tale caso perché è divenuto obbligatorio riportare i dati del sistema di condizionamento
  • Se si installano impianti termici di gestione del clima (pompe di calore, accumulo acqua calda, ecc…) oltre la caldaia già in nostro possesso. Il Libretto Unico è indispensabile per riportarvi le loro caratteristiche

Aggiornamento Libretto Caldaia

Indipendentemente dal tipo di libretto in nostro possesso, l’aggiornamento è obbligatorio. Ancor di più ora che la Legge prevede anche controlli di verifica dello stato e manutenzione degli impianti insieme a sanzioni economiche. Ad ogni manutenzione, assistenza e certificazione bisogna far riportare l’esito insieme al tipo di intervento eseguito. Il Libretto deve essere esibito in caso di controlli da parte degli Enti Preposti (A Roma la ATI Con Te, a Milano la CURIT ad esempio) e il mancato possesso viene punito con una sanzione amministrativa

Lavori edili Roma Numero Verde
Potrebbero Interessarti Anche: