lavori Edili Roma su Google plus
numero verde 800.98.04.40

Progettazione Edifici Antisismici

Scritto da: Franco Cerrito
edifici antisismici

Per l’edilizia antisismica vi sono indicazioni precise in merito all’installazione degli impianti secondo tecniche che rispettano la “regola d’arte”. Cosa dicono le norme di riferimento per gli Edifici Antisismici con particolare attenzione alla realizzazione degli impianti. Non trattiamo personalmente questa tipologia di ristrutturazione, ma ci interessava molto evidenziare le tecniche previste per l’installazione degli impianti.

Edifici Antisismici: Le Norme regolano la costruzione

Dopo gli eventi sismici degli ultimi anni le norme esprimono chiaramente l’obbligo di costruire edifici antisismici secondo determinati criteri. I testi di riferimento sono tutti quelli che hanno seguito l’O.P.C.M 3274/2003 tra cui il più recente è il D.M. 14/01/2008. Particolare attenzione è rivolta agli edifici destinati ad ospitare servizi pubblici, ma anche quella tipologia di edifici che prevedono afflusso e presenza di un gran numero di persone contemporaneamente (cinema, strutture sportive, stazioni, ecc..).

Per queste tipologie, che rientrano rispettivamente nelle categorie III e IV di importanza strategica, le norme prevedono l’esigenza di rispettare al massimo le norme di resistenza ai sismi per gli edifici antisismici, ancor più delle abitazioni o dei piccoli edifici privati. Questo perché è necessario che continuino ad assolvere alle loro funzioni e ad offrire assistenza, in caso di sisma, alla popolazione che vivrebbe in situazione di emergenza per il dopo terremoto.

Edifici Antisismici: come Fare gli Impianti

Le norme pongono l’accento su un aspetto che a noi interessa molto, e cioè la realizzazione degli impianti (acqua, gas, luce) in maniera tale che non subiscano danni dalle oscillazioni e vibrazioni che il sisma inevitabilmente genera a danno della struttura intera. Le Norme su citate optano per l’installazione di impianti con sistemi di giunti in grado di assecondare notevoli oscillazioni dell’edificio. Questo perché gli stessi edifici dovrebbero essere isolati dal suolo mediante moderne piattaforme su cui questi si muovono: mentre le fondazioni sono saldate al suolo, la parte superiore dell’edificio si muove autonomamente grazie a grandi cuscinetti d’acciaio che annullano gli effetti del sisma.

Gli impianti devono essere collegati a giunti in grado di assorbire i movimenti della struttura senza, quindi, fissaggi e saldature rigide e fortemente condizionanti che porterebbero tubazioni, cablaggi e raccordi a collassare alle oscillazioni e alle vibrazioni.

Lavori edili Roma Numero Verde
Potrebbero Interessarti Anche: