lavori Edili Roma su Google plus
numero verde 800.98.04.40

Servizio di progettazione impianti elettrici

Scritto da: Franco Cerrito
Progettazione Impianti Elettrici

La progettazione impianti elettrici è senza dubbio una fase della progettazione o ristrutturazione di un immobile che necessita di un’attenzione molto ampia e particolarmente focalizzata sull’obiettivo.

Un’unità abitativa potrà essere anche ben rifinita e studiata, ma se non può contare su un funzionamento energetico coerente con le sue necessità, ecco che il suo potenziale decade in modo incontrovertibile rendendo ogni intervento strutturale e di arredo assolutamente fine a se stesso e non funzionale al cliente che lo richiede.

È necessaria l’esperienza pluriennale di tecnici altamente preparati. I nostri esperti saranno in grado di stabilire quale tipo d’impianto l’immobile necessiterà e saranno capaci di coniugare le esigenze strutturali con quelle del cliente che richiede l’intervento.

Impianto elettrico a norma

Anche in questo caso vi è una normativa specifica da rispettare. E “progettazione impianti elettrici” per essere sinonimo di “lavoro a norma” deve obbligatoriamente veder basare il lavoro degli esperti sulla legge CEI 64-8 V3 valida per la progettazione di impianti elettrici in unità abitative residenziali (legge valida per tutti ad esclusione degli edifici storici, N.d.R.) In base alle disposizioni, valide dal 2011, l’impianto deve essere dimensionato per una potenza impegnabile pari a:

    • 3kW, se la superficie interna calpestabile dell’unità abitativa, esclusi cantina, box e soffitta, è inferiore a 75 mq
    • 6kW, se la superficie interna calpestabile dell’unità abitativa, esclusi cantina, box e soffitta, è superiore a 75 mq.

I montanti di alimentazione, la disposizione dei tracciati, il materiale utilizzato e lo stesso contatore elettrico devono essere posti in essere secondo quanto stabilito dalla norma. Un esempio? Il montante non deve presentare una sezione inferiore a 6mmq.

Il quadro dell’impianto elettrico

Anche il quadro elettrico, oltre che essere posto in una posizione facilmente gestibile e consultabile dal cliente, deve sottostare ad alcune regole:

  • i quadri dell’unità immobiliare devono essere dimensionati per il 15% in più dei moduli necessari, con un minimo di due moduli di riserva;
  • l’impianto deve essere protetto da almeno due interruttori differenziali, dividendo ad esempio il circuito prese dal circuito luci, in modo da favorire la continuità di servizio
  • i circuiti prese devono protetti contro il sovraccarico da dispositivi con corrente nominale non superiore alla corrente nominale più piccola delle prese presenti sul circuito.

 

Lavori edili Roma Numero Verde
Potrebbero Interessarti Anche: