lavori Edili Roma su Google plus
numero verde 800.98.04.40

Tutte le fasi della verniciatura delle pareti

Scritto da: Franco Febbi
Verniciatura pareti

Per operazioni di ristrutturazione di interni, come la verniciatura di pareti, è importante conoscerne le fasi di realizzazione e prestare attenzione anche per gli interventi che superficialmente possono sembrare meno complessi. Se questi lavori non sono fatti per voi, conviene sempre evitare di improvvisarsi esperti e affidarsi a professionisti di settore.

Verniciare le pareti: pazienza e conoscenza

La verniciatura delle pareti, lungi dall’essere un esercizio della vostra creatività, è in realtà un’operazione tra quelle di ristrutturazione interni che richiede pazienza e, soprattutto, rispetto di alcuni fattori dai quali può dipendere la buona riuscita del lavoro.

Da cosa si inizia? Sicuramente avrete già scelto il colore ed è certo che l’abbiate fatto con cognizione di causa, ovvero soffermandovi sul tipo di materiale da usare e sulle tinte, elemento imprescindibile per la percezione di luminosità e di spazio in una casa, oltre che determinanti in base alla funzione della stanza. Fatto questo, si procederà all’intervento vero e proprio, che inizia con il rimuovere il precedente intonaco. Una volta compiuta questa operazione la parete è tutt’altro che pronta per essere verniciata, ma richiede ulteriori applicazioni.

Verniciatura pareti: lavoro preparatorio

Affinchè la verniciatura delle pareti non richieda interventi successivi di recupero, è fondamentale porre una certa attenzione alla preparazione della parete. Una volta rimosso il precedente intonaco, infatti, potrete accorgervi che la parete presenta delle crepe, dei solchi e non sia perfettamente levigata e livellata. Come procedere? È qui che entra in gioco la rasatura delle pareti, ovvero quell’operazione che consente, previo intervento con lo stucco nel caso di solchi o crepe, di livellare la base su cui si procederà alla verniciatura.

Una volta effettuate le riparazioni necessarie e solo dopo aver fatto asciugare lo stucco, la parete va trattata con la carta vetrata e in questo modo ripulita dai dislivelli, quindi bisogna applicare un isolante acrilico che impedisca l’insorgere di umidità che potrà portare a crepe nell’intonaco e ad antiestetiche macchie sulle pareti. Solo dopo questo lavoro preparatorio è possibile passare alla verniciatura vera e propria.

Verniciatura pareti: come va effettuata

Come per tutti i lavori in casa è necessario dotarsi di utensili e materiale idoneo all’operazione, nel nostro caso rulli, pennelli, carta vetrata, nastro adesivo, isolante, secchi e griglie. Con il rullo, prima da sinistra verso destra in obliquo e successivamente al contrario per la seconda passata, va verniciato il grosso delle pareti lasciando uno spazio di almeno dieci centimetri dal soffitto. I pennelli serviranno ad effettuare lavori di precisione e rifiniture. Per concludere, bisognerà passare uno strato di isolante a protezione dell’intonaco.

Verniciatura pareti: la punta dell’iceberg

La verniciatura delle pareti è soltanto uno dei tantissimi lavori, piccoli e grandi, che possono essere effettuati in una casa in fase di ristrutturazione. Per eseguire smantellamento e posa pavimenti, realizzazione di controsoffitti o pareti divisorie in cartongesso, intonacatura, sostituzione sanitari e tutto ciò che può essere ascrivibile alla ristrutturazione della casa, rivolgetevi ai nostri professionisti: vi assicurano un lavoro soddisfacente e rispondente alle vostre esigenze.

Lavori edili Roma Numero Verde
Potrebbero Interessarti Anche: